Ecco perché le cucine su misura di Ikea non fanno per te

Ikea è un marchio particolarmente noto che non ha bisogno di presentazione. Leader nel settore dell’arredamento low cost, è una soluzione scelta da molti per poter arredare la propria casa a costi più bassi. Questo, però, è spesso sintomo di un uso di materiali non destinati a perdurare nel tempo e a non garantire un’elevata qualità.

Come molti sapranno, è ora possibile progettare delle cucine su misura Ikea, online e in negozio. Un servizio sicuramente allettante per la sua comodità, ma che nasconde anche molte insidie che è necessario considerare nella scelta della propria cucina. Scopriamo insieme come funziona il processo fornito da Ikea e perchè potrebbe non essere una buona soluzione per ogni necessità.

Come si progettano le cucine su misura Ikea?

Le cucine su misura di Ikea sono tutte componibili, come l’intera offerta delineata dall’azienda fin dalla sua nascita. In molti decidono di affidarsi al colosso svedese per il proprio arredamento, nonostante questo non sia sempre sinonimo di qualità e durevolezza

La cucina, soprattutto, è uno spazio molto vissuto e che deve rispecchiare le necessità e le funzionalità di chi la abiterà quotidianamente, senza la necessità di dover prestare continuamente attenzione a causa dell’utilizzo di materiali poco ricercati per la sua realizzazione.

Prima di procedere alle motivazioni che spingono a preferire una cucina artigianale rispetto a una cucina su misura Ikea, analizziamo brevemente quali sono i passaggi da seguire per poterla realizzare.

Come prima cosa si dovrà procedere con le misure. Viene consigliato di fotografare la stanza e stampare l’immagine dove appuntare i dati. In alternativa, si può effettuare uno schizzo a mano libera seguendo le iscrizioni riportate sul sito. Ma cosa è necessario misurare?

In primo luogo, le pareti della stanza, la loro altezza e la larghezza, come anche la distanza di porte e finestre dagli angoli delle pareti. Si procede evidenziando le posizioni di tutti gli elementi sporgenti, come tubature o termosifoni, la posizione degli allacci e l’altezza da terra di tutti i componenti.

Una volta fatto ciò, per progettare una cucina su misura Ikea, si può scegliere tra diverse metodologie:

  • online, richiedendo un appuntamento virtuale con un consulente che realizzerà il progetto in base alle misure da voi fornite e fisserà in seguito una videochiamata di confronto;
  • Presso un punto vendita Ikea, interfacciandosi direttamente con un operatore in loco;
  • Usando un software realizzato appositamente per lo scopo, presente sul sito dell’azienda.

Sarà necessario fornire tutte le informazioni circa le caratteristiche dello spazio che accoglierà la cucina, come la forma, le dimensioni, il tipo di pavimento, gli allacci, i diversi impianti e così via. Si potranno personalizzare dettagli come ante e pomelli, cassetti e ripiani, oltre che gli elettrodomestici.

Procedere, però, in completa autonomia alla misurazione e alla progettazione di una cucina su misura Ikea potrebbe portare a effettuare diversi errori e a non essere certi del risultato finchè non si riceveranno i mobili. Spesso, dunque, il prodotto potrebbe essere deludente, oltre che non adatto all’ambiente.

Un altro fattore da considerare è sicuramente il prezzo. È vero che ci sono delle cucine davvero economiche che non vanno oltre i 1000 o 1500 euro, ma tale risparmio si riscontra sui materiali di scarsa qualità utilizzati per realizzarle. Per avere una buona cucina su misura Ikea, dunque, si dovranno spendere cifre ben più alte, fino a circa 4000 o 5000 euro. Alcune, addirittura, arrivano a toccare i 7000 euro.

Sono, allora, davvero così convenienti rispetto a una cucina su misura realizzata da una falegnameria artigianale?

Falegnameria design prezzi:
costa davvero troppo?

Perchè scegliere una cucina artigianale anziché una cucina su misura Ikea

Alcune delle criticità che potrebbero sorgere decidendo di acquistare una cucina su misura Ikea sono già state citate in precedenza.

Spendere una cifra anche abbastanza consistente per poi ottenere una cucina che non rientra perfettamente nello spazio dedicato o che non corrisponde a quanto sperato non è un’esperienza gradevole da vivere.

Per questo motivo sarebbe vivamente più consigliabile rivolgersi a degli artigiani esperti, come quelli di falegnameria Caponi, da oltre cinquant’anni esperti nella realizzazione di mobili e cucine su misura.

Rivolgendosi ad artigiani qualificati, si avrà la certezza di ottenere sì un arredamento su misura per i propri spazi, ma anche mobili completamente personalizzati in base alle proprie necessità e gusti personali.

Per le migliori cucine su misura, a prezzi concorrenziali, rivolgiti a Caponi, la tua falegnameria artigianale a Roma. I nostri artigiani sono dei professionisti del settore e da anni si occupano di realizzare meravigliosi mobili che si sposano perfettamente con l’arredamento ideato per la casa.

Per ogni necessità, dunque, non esitare a contattarci!

Condividi l'artigianato italiano

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su linkedin
Condividi su skype
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print